fuori sacco L'uomo, le societˆ, le istituzioni Campana, una scuola diversa
contatto
 
   
REGOLAMENTO DI CLASSE

REGOLAMENTO DI CLASSE

 

 

PRINCIPI  FONDAMENTALI

 

ART, 1 = La vIta della classe é fondata sul principio di lealtà: Lealtà verso se stessi-attraverso

                l’impegno allo studio, verso i propri compagni, verso i docenti,  verso i non docenti, verso

                la scuola e le  norme che la governano.

ART. 2 = Tutti gli alunni hanno pari dignità senza dístinzione di sesso, di razza, di religione, di

                 opinioni, di condizioni personali e sociali.

ART. 3 ~ La classe ripudia la-violenza come mezzo di risoluzionr delle controversie tra alunni.

ART. 4 -  Il valore fondamentale della convivena all’interno della classe e della scuola è il rispetto

                dei propri eompagni, dei docenti, dei non docenti e delle cose.

 

PARTE  1^

 

DIRITTI  E DOVERI DEGLI ALUNNI

 

 

ART. 5 = Tutti gli alunni hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero attraverso

                 le forme e i modi previsti dal presente regolamenta¢

ART. 6 ~- La richiesta di parola deve essere effettuata per alzata dImano

ART. 7 =  Gli alunni della classe non si devono sporgere dalla finestra per nessun motivo e nel

                 cambio dell’ora devono restare seduti e in silenzio

ART. 8 ~  Sono bandite le parolacce, gli urli e gli schiamazzi

ART, 9 ~: L’alunno che va al bagno non deve correre nei corridoi e deve tornare nel più breve

                 tempo possibile

ÀRT. 10~ Non si devono masticare gomme nella scuola,

ART. 11 = Il mezzo principale di comunicazione all’interno della scuola è l’italiano.

 

ART. 12 – Durante l’entrata e l’uscita  gli alunni  devono cammonare senza fretta, senza urla e

                  senza disturbare altre classi;

ART. 13 -  Sono vietati nomignoli o soprannomi.

ART. 14 ~ durante il lavoro scolastico non bisogna disturba re il compagno che è impegnato in tale

                   Attività;

ART. 15 ~  Ognì alunno qualora abbia commesso una colpa si impegna ad ammettere il proprio

                   errore;

ART. 16 ~ Non accusare i propri compagni di azioni che non hanno commesso

ART. 17 – Tutti gli alunni cui sono affidati delle funzioni hanno il dovere di ademppierle con

                  disciplina e giustizia;

ART. 18 ~ Servirsi dei servizi igienici e tenerli in ordine;

ART. 19 -  Non attardarsi quando suona la campana dell’entrata  e del termine delle lezioni e del

                  termine della ricreazione;

ART. 20 ~ Il rappresentante di classe deve essere per i compagni           un esempio di compormento;

AR~  21 -  L’alunno è consegnatario del banco e della sedia; ogni eventuale rottura o imbrattamento

                  verrà addebitato e dovrà essere risarcito.

 

PARTE 2^

 

 

ORDINAMENTO DELLA CLASSE

 

TITOLO II

 

 

ART. 22 - Gli organi-della classe sono l’Assemblea,  il Presidente e il rappresentante di classe;

.

ART. 23 ~ L'Assemblea dj classe si. Riunisce all’inizio dell’anno scolastico, tutte le volte previste

                   dal presente regolamento o quando ne fano richiesta i 2/3 della classe;

ART. 24 -  L’Assemblea elegge a scrutinio segreto -fra i suoi componenti- il presidente

                  dell’Assemblea e il Segretario verbalizzante;

ART. 25 ~ Il Presidente e il Segretcario restano in carica tutto l’anno scolastico, ma possono essere

                  sostituiti quando non godonoo più la fiducia dell’Assemblea;

 ART.26 -  L’Assemblea, all’inizio dell’anno scolastico, adotta il proprio regolamento a

                  maggioranza assoluta. L’Assemblea nelle sue deliberazioni è sovrana.

ART. 27-   Le deliberazioni dell’Assemblea non sono valide se non é presente la maggioranza dei

                  suoi componenti o se non sono adottate a maggioranza dei presenti.

 

PARTE 3^

 

IL RAPPRESENTANTE  DI CLASSE

 

TITOLO  III

 

ART. 28 ~ l'Assemblea elegge fra i suoi componenti un rappresentante di classe;

ART, 29 ~ la carica di rappresentante di classe è incompatibile  con la carica di Presidente o

                  Segretario verbalizzante;

ART. 30  - Il rappresentante di classe è eletto per tre mesi e può essere rieletto;

ART. 31 -  L’assemblea può votare, con giudizio motivato, la sfiducìa a1 rappresentante di classe in

                  carica ed eleggere un nuovo rappresentante;

ART. 32 - Il rappresentante dI classe è il portavoce della volontà  e delle esigenze della classe ;

                 conferisce con i1. preside una volta alla settîmana insieme agli altri ra.ppresentarltî e

                 riporta alla classe le decisioni adottate nella conferenza dei rappresentanti;

ART. 33-  I1 rappxesentante di classe in tutte le sue manifestazioni esterne rappresenta la classe ed

                 è responsabile verso l’Assemblea alla quale riferisce;

ART. 34 - Il rappresentante di classe  è i1 cústode e il garante del regolamento di classe.

 

 

                                DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

ART. 35 – Gli articoli del  presente regolamento, che sono in contrasto  col regolamento di Istituto

                  sono nulli.

 

.

 

 

 
 
INDICE
Introduzione del Preside
Prove di ingresso classe I
Schema di ricerca sulla famiglia
Prove di verifica classe II
Prove di verifica classe III
Progetti didattici trimestrali
ITINERARI DIDATTICI
Educazione musicale
Geografia
Scienze matematiche
Storia
Educazione artistica
Educazione tecnica
PROGETTO EDUCATIVO
Programmazione educativa
Regolamento di classe
Regolamento d'istituto
 

Nessuna parte di questi lavori può essere riprodotta in nessun modo o forma senza il permesso dell' Autore.
Contattando l'Autore, i manuali di storia potranno essere disponibili per farne testi per le scuole.

   
 

Franco Felicetti, Storia - 2022 © All rights reserved

credits